Pubblicato da: juliette1804 | maggio 23, 2009

Un consiglio di lettura…

 

AUTORE: Elisabetta ModenaElisabetta Modena
CASA EDITRICE: Lulu.com Lulu
DATA PUBBLICAZIONE: 2009

Fine XXI secolo: l’Unione Europea è collassata e dalle sue ceneri è sorta una tecnocrazia di scienziati chiamata ARCNEMOG, Advanced Researches Center for NEw MOlecolar Genetic, portatrice di una nuova ideologia sulla purezza della razza e sulla supremazia della scienza. Le ondate migratorie verso l’Unione Europea sono andate aumentando sempre più, spingendo i capi del MOG a mettere in atto un’ultima, disperata strategia difensiva: scatenare una pandemia su scala europea per purificare la popolazione uccidendo larga parte degli strati più poveri e indesiderati. Ma il virus, per errore, è rilasciato prima che il vaccino sia pronto. Il dottor Leonardo Copti, brillante professore universitario, si ritrova a lavorare alla ricerca del vaccino. Attraverso un’odissea per l’Europa Leonardo scoprirà quali siano le radici profonde di questo continente e capirà cosa significhi amare veramente.

Elisabetta Modena è un’autrice di christian fiction (un termine usato in ambiente anglosassone e statunitense, ma poco usato in Italia, che indica la narrativa di ispirazione cristiana). Elisabetta declina questo filone dal versante del romanzo d’amore ad ambientazione contemporanea, ma soprattutto dal versante della fantascienza e, infatti, in questo suo nuovo romanzo, che si intitola “Il marchio di Caino”, ci troviamo nell’Europa della fine del XXI sec. dove la religione cristiana è ormai relegata a piccole comunità di praticanti e dove la vera religione è diventata in un certo senso la scienza e proprio uno scienziato è il protagonista di questo romanzo a cui l’autrice ha dato il nome fortemente evocativo di Leonardo Copti.
Durante alcune ricerche mediche, svolte in modo riservato, perché atte a produrre un vaccino per un’epidemia non ancora scoppiata, ma di cui è stata “programmata” l’immissione tra la popolazione al fine di ridurla, come accadeva nel medioevo quando le epidemie “riequilibravano” l’eccessivo sviluppo demografico, anche se lì era la natura che agiva, mentre qui è l’uomo che vuole fare una cosa pericolosa e dagli esiti incerti, perché ha perduto il senso del limite, Leonardo viene colpito da una forma particolare di cecità, a cui l’autrice ha dato un significato più simbolico che reale, per cui Leonardo riesce a vedere gli oggetti, ma non le persone e non riuscendo a capire, nonostante sia uno stimato medico, cosa gli sta accadendo e perché, cade in uno stato di rabbia e di prostrazione…
Nel frattempo la moglie di Leonardo, che non ha più avuto sue notizie e che ha partorito intanto la bambina che attendeva, quando Leonardo ha accettato l’incarico nel laboratorio, decide di andare alla ricerca del marito…
Da qui partono una serie di avventure in giro per l’Europa che porteranno sia Leonardo sia sua moglie a riscoprire la fede religiosa e a curare le persone colpite dalla pericolosa epidemia che per un errore scoppierà prima del previsto, producendo il caos.
Il mondo futuro che immagina Elisabetta Modena è abbastanza inquietante perché le persone appaiono molto controllate a livello medico sia in senso fisico sia in senso mentale per cui si può essere ricoverati e curati anche contro la propria volontà, si sono inoltre acuite le differenze sociali ed economiche tra le varie fasce della popolazione e il trasporto aereo e navale ha sostituito quasi del tutto quello su strada.
Forse l’aspetto che non appare troppo diverso da quello attuale è lo sviluppo informatico, per quanto più efficaci e potenti i computer presenti nel laboratorio, dove lavora Leonardo, non sembrano molto diversi da quelli attuali, tanto che basta un black out elettrico, non casuale, per permettere a Leonardo di fuggire dal centro di ricerca dove è rinchiuso da mesi…
In conclusione, quello di Elisabetta Modena è da una parte un romanzo moderno nel tema e nell’intreccio, dall’altra un romanzo ottocentesco, in quanto romanzo a tesi, in cui l’autrice si propone un chiaro e dichiarato intento religioso ed etico, ma, se il lettore accetta questo meccanismo ed è capace di entrarci dentro, al di là della condivisione o meno delle idee della Modena, troverà interessanti spunti di riflessione sulla realtà
attuale, ma anche su quello che potremmo diventare (sperando tuttavia che il futuro sarà meno inquietante di quello immaginato in questo libro).

 
IN SCAMBIO SU ANOBII.COM:
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: