Pubblicato da: juliette1804 | gennaio 21, 2012

Le ultime novità…

La recensione di Silvia Scibilia a “Camille et Emile”:

 

http://lilith096732.wordpress.com/2012/01/17/camille-et-emile/

 

 

Ho avuto molte remore alla lettura di questo romanzo, non perché pensassi che mi avrebbe deluso avendo letto e apprezzato diverse opere di Cristina Contilli ma per le vicende che coinvolgono la protagonista del romanzo, Camille Claudel, (una tra le più bravi scultrici che ha vissuto a cavallo tra il XX e il XXI secolo) internata per anni in cliniche psichiatriche per problemi di isteria e manie di persecuzione. Essendo io stessa figlia di uno scultore so quale coinvolgimento emotivo abbia creare un’opera d’arte da ciò che appare materia inerme, inoltre ho dovuto affrontare in famiglia patologie simili a quelle dell’autrice, che non sono facili da gestire e che creano forti contrasti e ambivalenze di comportamenti in chi dovrebbe comprendere e curare.

Camille Claudel ha la sfortuna di nascere in una famiglia borghese in un periodo in cui la scultura era ancora considerata un’arte da uomini e nel quale atteggiamenti di forte apertura sessuali venivano giudicati scandalosi. La Claudel è stata una grande artista e una donna di forti passioni come quella per il maestro Rodin che l’abbandonò dopo che lei si era messa contro la famiglia per amore suo.

CONTINUA SU:

http://lilith096732.wordpress.com/2012/01/17/camille-et-emile/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: